Tomik Vrona è un mago Orzhov specializzato in contratti, accordi verbali e barriere che proteggono i beni materiali. Ex apprendista di Teysa Karlov, è noto per volare sui gargoyle. È l'amante di Ral Zarek. Svolse un ruolo importante durante la Guerra della Scintilla. Dopo la fine della guerra divenne il capogilda reggente Orzhov.

Fautore Rinomato[modifica | modifica sorgente]

I genitori di Tomik erano avvocati e Oligarchi all'interno della gilda. Quando morirono in un incidente furono trasformati in spiriti, ma continuarono a educare il figlio. Tomik è cresciuto con un rispetto per la legge che è insolito tra gli Orzhov, insieme ad un apprezzamento per le scappatoie legali. Il suo apprendistato sotto la guida di Teysa Karlov lo aiutò a costruire la sua carriera insegnandogli a usare i suoi talenti.

Prima della Guerra della Scintilla[modifica | modifica sorgente]

Liberare Teysa[modifica | modifica sorgente]

Dopo che la sua ex maestra venne imprigionata, Tomik divenne la sua ancora di salvezza, tenendola aggiornata su ciò che succedeva nel mondo esterno. Lavorò come sua mano destra, trasmettendo i messaggi di Teysa ai suoi vecchi contatti e promuovendo alleanze segrete.

Quando Kaya raggiunse Teysa per liberarla e aiutarla a diventare la nuova capogilda, l'altra rifiutò e spiegò che l'Obzedat doveva essere ucciso senza il suo evidente coinvolgimento. Successivamente le due si incontrarono nuovamente su richiesta di Tomik che le informò che aveva sentito che Ral Zarek stava invitando tutte le gilde a unirsi in un vertice organizzato da Isperia per discutere di una minaccia per tutta Ravnica, rappresentata da Nicol Bolas. Spiegò che l'Obzedat aveva rifiutato di partecipare. Propose di chiedere aiuto a Ral per ottenere la distrazione di cui avevano bisogno e in cambio del favore gli Orzhov avrebbero partecipato al vertice. Dubbiosa, Teysa fece qualche domanda e Tomik fu costretto ad amettere che lui e Ral erano amanti.

Il giorno dopo, Tomik si incontrò con Ral. Dal momento che i due avevano mantenuto segreta la loro relazione perchè entrambi membri importanti di gilde diverse, così come avevano sempre tenuto gli "affari di gilda" fuori dalla loro relazione, Tomik temette di poter perdere Ral. L'altro lo tranquilizzò e dopo averlo ascoltato promise che l'avrebbe aiutato.

Grazie a Ral e ai suoi alleati, Kaya riuscì a uccidere l'Obzedat, permettendo la liberazione di Teysa, ma fu la planeswalker a diventare la nuova capogilda.

Dopo il Vertice[modifica | modifica sorgente]

Successivamente al fallimento del vertice, Tomik accompagnò Kaya da Teysa e ascoltò in silenzio il litigio tra le due dovute alla scelta della planeswalker di perdonare alcuni debitori senza prima consultare la sua ex maestra. Le parole di Kaya colpirono molto Tomik e continuò a pensarci anche quando tornò da Ral. L'altro notò le sue preoccupazioni e gli ricordò che poteva contare su di lui. Tomik rispose che si trattava di affari di gilda ma lo ringraziò per il suo sopporto.

Dalla parte di Kaya[modifica | modifica sorgente]

Venuto a conoscenza del colpo di stato contro Kaya, Tomik andò a Nivix per parlare con Ral a cui spiegò che Teysa e gli Orzhov non approvavano i cambiamenti che Kaya aveva fatto alla gilda e temeva che avessero intenzione di ucciderla in modo che la sua ex maestra diventasse la nuova capogilda. Ral chiese se l'altra avrebbe continuato a supportare il loro progetto. Tomik chiese se quello fosse l'unica cosa che gli interessasse: pensava che Kaya fosse sua amica. Ral replicò che era l’unica cosa alla quale poteva permettersi di interessarsi e che la planeswalker era solo un'alleata. Tomik chiese se valeva la stessa cosa per lui. Ral iniziò ad obiettare, ma lui gli disse di non preoccuparsi, avrebbe risolto la situazione da solo.

Tornato a Orzhova, Tomik mise un biglietto anonimo nella stanza della sua capogilda avvertendola del pericolo, dicendole che voleva aiutarla e di raggiungerlo nelle stalle. Quando Kaya lo raggiunse fu sorpresa di vederlo: sapeva quanto lui fosse fedele a Teysa e chiese perchè la stava aiutando. Tomik spiegò che lei era la sua capogilda e aiutarla era suo dovere, inoltre credeva che la sua ex maestra stesse commettendo un errore e che lui voleva proteggerla. Kaya chiese spiegazioni. Tomik la informò che le altre importanti famiglie Orzhov l'avevano pressata con le loro richieste: temevano che lei avrebbe perdonato i debiti su larga scala minacciando le loro richezze, se Teysa avesse provato a contrastarli l'avrebbero schiacciata perchè il sistema della gilda, prima di ogni cosa, difendeva sé stesso. Tuttavia lui aveva trovato un modo per risolvere la sua situazione. Prima che potesse spiegarsi i due vennero circondati da un centinaio di thrull, ma vennero salvati dall'intervento di Ral e delle sue forze viashino Izzet. Con la situazione sotto controllo Tomik spiegò a Kaya come risolvere il suo problema, poi andò via insieme al suo amante.

Dialogo con Ral[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere rimasto in silenzio per un pò, Tomik disse che aveva dubitato del suo arrivo. Ral rispose che inizialmente non voleva intromettersi, ma aveva pensato che se lui era disposto a mettersi contro Teysa e a rischiare ogni cosa, significava che si trattava di qualcosa di incredibilmente importante. Tomik gli fece capire che aveva compreso che lui era un planeswalker. Ral spiegò che per via del suo passato gli era difficile fidarsi degli altri e vedere le persona in modo diverso da degli strumenti. Tomik spiegò che valeva anche per Teysa: la sua ex maestra non era cattiva ma non riusciva a fuggire dall'incubo in cui era cresciuta. Ral disse che lui voleva qualcosa di diverso: voleva tenere veramente a qualcuno. Tomik rispose che stava già imparando.

La Guerra della Scintilla[modifica | modifica sorgente]

Fedele alla nuova capogilda, durante l'inizio della guerra, Tomik convinse Bilagru a sostenere Kaya e grazie a lui gli Orzhov scesero in guerra contro Bolas.

Successivamente, quando il gruppo di Kaya si recò a Rix Maadi per negoziare con Rakdos, Tomik arrivò portando il cadavere di Hekara e i cultisti la resuscitarono come strega di sangue. Nuovamente in vita, Hekara sconfisse Exava e con la sua nuova autorità guidò i Rakdos contro Bolas.

Dopo la fine della guerra, Tomik fu uno dei sopravvissuti alla battaglia e fu presente durante la celebrazione della vittoria. Si riunì a Ral e i due condivisero un bacio in privato. Successivamente, fece da rappresentante per gli Orzhov quando Niv-Mizzet e gli altri capogilda dichiararono che Ral, Kaya e Vraska avrebbero dovuto dare la caccia ai planeswalkers rimasti fedeli a Bolas o disertati troppo tardi.

Dopo la Guerra della Scintilla[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine della guerra, Tomik informò Kaya di aver scoperto una scappatoia legale che le permetteva di trasferire temporaneamente i suoi contratti Orzhov e le responsabilità della gilda a lui.

Successivamente, Tomik venne avvicinato a turno da Slavomir Zoltan, Armin Morov e Maladola che provarono a sedurlo, corromperlo e intimidirlo. Resistette a tutti e tre dimostrando la sua forza di volontà e il suo carattere. Affrontò Teysa: sapeva che c'era lei dietro i tentativi degli altri tre. L'altra spiegò che voleva che lui diventasse in modo permanente il capogilda reggente degli Orzhov in modo che Kaya potesse andare via. Tomik accettò.

Dopo che Kaya tornò dalla sua missione, Tomik le spiegò il suo piano per diventare in modo permanente capogilda reggente degli Orzhov: lei sarebbe rimasta la capogilda di nome ma come reggente i contratti Orzhov sarebbero rimasti a lui che si sarebbe occupato degli affari della gilda. Dal momento che non aveva mai voluto quel ruolo Kaya fu felice di accettare la sua proposta.

Referenze[modifica | modifica sorgente]

Rappresentato in[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Tomik porta legato al polso una stoffa rossa del vestito di Ral. A sua volta in diverse carte Ral Zarek tiene in mano o indossa al polso un pezzo di tessuto bianco del vestito di Tomik.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.