Le Terre Selvagge (The Wilds) è un luogo incantato con confini mutevoli, in cui distanza, direzione, tempo e stagioni sembrano tutti distorti e in cui abbondano sia mostri che maledizioni. È governato dal Council of Druids, elfi che desiderano riportare Eldraine ai giorni dell'oppressione elfica.

Le Terre Selvagge[modifica | modifica sorgente]

Quando gli umani salirono al potere, gli stessi boschi si ritirarono insieme agli elfi, creando la divisione tra il Reame e le Terre Selvagge che Eldraine conosce ormai da secoli.

Se si viaggia sufficientemente lontano dai castelli del Reame, si inizierà a notare un cambiamento: i boschi diventano oscuri e fitti, i rovi spinosi e i fiori selvatici crescono incontrollati. Delle luci misteriose attirano sempre più in profondità, mentre i sentieri iniziano a sparire o a girare su loro stessi e, prima o poi, il senso dell’orientamento diventerà solamente un sogno lontano. È in quel momento che i viaggiatori si ritrovano all'interno delle Terre Selvagge. Esse sono ribelli, varie, non strutturate, imprevedibili e incontrollate. Qui vivono dozzine di diverse tipologie di creature in una stasi anarchica e precaria: troppo disorganizzate per andare in guerra, ma troppo agitate per vivere in pace. Hanno un comportamento diverso verso gli umani, ma varia in base al singono individuo e non alla razza e possono essere: ostili, indifferenti, curiose o amichevoli.

La magia delle terre selvagge è incontrollata e diversa tanto quanto il popolo che vi ci dimora, manifestandosi in modi strani e spesso bellissimi. Può essere attraente, rafforzante, lenitiva, curativa e rinfrescante; ma anche riprovevole, debilitante e distruttiva.

Throne of Eldraine: The Wildered Quest[modifica | modifica sorgente]

Dominio e caduta degli elfi[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente gli elfi governavano Il Reame. Secondo gli umani, erano orgogliosi, arroganti, vani e crudeli e permettevano a qualsiasi tipo di magia di prosperare senza controllo. Gli elfi affermarono che quelli che erano troppo deboli per difendersi potevano piegare il ginocchio ai più potenti in cambio di protezione.

Ma l'umanità si ribellò e rovesciò i signori elfici che li avevano ridotti in schiavitù. Dopo la loro sconfitta, la maggior parte degli elfi si ritirò nelle Terre Selvagge.

Il cervo reale[modifica | modifica sorgente]

Molti anni dopo, intenzionato a scatenare una guerra tra gli elfi e gli umani, Oko rapì il re Algenus Kenrith e lo trasformò in un magnifico cervo che divenne la preda scelta durante la Caccia Selvaggia. Durante gli eventi, Algenus venne ferito mortalmente e ucciso da Oko, ma sua moglie Linden Kenrith usò il potere nella spada di suo marito, riportandolo in vita.

Referenze[modifica | modifica sorgente]

Testi di colore[modifica | modifica sorgente]

Carte associate[modifica | modifica sorgente]

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.