Piru era la compagna di Chromium Rhuell, antico drago sopravvissuta alla guerra dei draghi. Venne uccisa da Dakkon Blackblade.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Piru e il suo compagno Chromium Rhuell, divennero servitori di Geyadrone Dihada. Lei li convocò per combattere Dakkon Blackblade, che cercò di prendere il controllo mentale di Rhuell per costringerlo a uccidere Piru, ma dal momento che gli antichi draghi erano potenti quasi come i planeswalker, fallì e rischiò di essere ucciso da Rhuell, che stava assorbendo parte della sua energia. Dakkon riuscì però ad esiliare Rhuell in un luogo sconosciuto. Subito dopo affrontò Piru e la uccise dopo aver recuperato la Blackblade. La sua morte provocò un enorme esplosione di energia che creò il Baratro dei duelli di Golthonor.

La maggior parte dell'energia di Piru, venne assorbita da Geyadrone Dihada che aveva previsto la morte dell'antico drago ed era proprio quello il suo obiettivo: assorbire l'immenso potere di un antico drago. Sapeva però che l'unico modo per poterlo fare era soltanto dopo la morte del drago e fu per questo motivo che manipolò Dakkon, facendogli forgiare la Blackblade per uccidere Piru, poichè lei era consapevole che non sarebbe mai riuscita a ucciderla.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Piru è una parola finnica che significa Male.
  • Piru viene confermata coma antico drago in Return to Dominaria: Episode 1.
  • Nonostante i draghi antichi fossero soliti scegliersi due nomi alla nascita, lei se ne scelse uno solo.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.