FANDOM


La Pergamena del Drago (Dragon Scroll) è una preziosa pergamena custodita nel Santuario delle Stelle su Kephalai. Dopo la distruzione del Santuario da parte di Chandra Nalaar, la Pergamena finì nelle mani di Jace Beleren.

StoriaModifica

Informata da Ramaz che l'antica Pergamena del Drago custodiva una potente magia di fuoco, Chandra Nalaar decise di rubarla per impadronirsi dei suoi segreti. La piromante riuscì nell'impresa e viaggiò su Regatha, lì però venne rintracciata dall'agente del Consorzio Infinito, Jace Beleren, che dopo una breve battaglia sconfisse Chandra, recuperò la Pergamena e cancellò ogni ricordo di essa dalla mente della planeswalker, Il mago mentale se ne andò lasciandola priva di sensi. Tuttavia, prima dell'arrivo di Jace, Chandra aveva fatto fare una copia della Pergamena del Drago, ben presto però si rese conto di aver bisogno della Pergamena originale se voleva scoprirne tutti i misteri. La piromante cercò nuovamente di rubare la Pergamena ma questa volta fallì e alla fine  distrusse il Santuario delle Stelle durante la fuga. Riuscì però a scoprire grazie a Gideon Jura che la Pergamena era una mappa per Zendikar.

Tre anni dopo, la Pergamena del Drago finì nelle mani di Jace che comprendendone l'importanza iniziò a studiarla. Grazie all'assistenza di Garruk, il planeswalker scoprì che si trattava di una mappa per Zendikar e decise di andare su quel piano. Lì scoprì che anche Chandra si trovava su Zendikar e stava cercando l'Occhio di Ugin proprio come lui. Grazie alla Pergamena arrivò a destinazione e trovò Chandra che stava combattendo contro un drago (in realtà Sarkhan Vol) e decise di aiutarla. Insieme i due sconfissero il mago-drago, ma inconsapevolmente, per via del loro scontro, i tre liberarono la covata e le progenie degli Eldrazi. La Pergamena del Drago era infatti la mappa per raggiungere il luogo dove erano imprigionati i tre titani Eldrazi: Emrakul, Ulamog e Kozilek.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.