FANDOM


Il Parhelion è la grande sala dove risiedono gli angeli Boros. Venne distrutta durante il decamillennio per poi essere ricostruita come fortezza volante col nome di Parhelion II molti anni dopo.

StoriaModifica

In origine era una grande nave volante costruita per compiere viaggi interplanari per studiare la natura del multiverso, ma in seguito a causa del primo patto delle gilde che bloccava i viaggi da e verso Ravnica, venne utilizzata solo come sede degli angeli Boros. Situata sopra i cieli della città, tra le nuvole, in tempo di guerra il Parhelion scendeva a terra attraccando vicino a Sol-Dimora.

Durante il decamillennio, Szadek riuscì a entrare nel Parhelion causando la morte di tutti gli angeli al suo interno. Poi fece in modo che la nave volante si schiantasse su Prahv, in modo da causare la distruzione delle gilde. Il piano dell'ex-Parun dei Dimir venne fermato dall'intervento di Agrus Kos, ma il Parhelion si schiantò ugualmente.

Parhelion IIModifica

Dopo che venne ricostruita, Il Parhelion II viene usato dai Boros come fortezza volante. Oltre agli angeli, sono presenti anche gli Skyjek che rappresentano una parte significativa dei suoi soldati. Al suo interno ospita due navi da guerra galleggianti.

Durante l'inizio della Guerra della Scintilla, Il Parhelion II sotto il comando di Aurelia e Feather venne usato per lanciare una controffensiva contro l'Orda Atroce guidata da Liliana Vess. L'assalto ebbe inizialmente successo nel respingere gli Eterni, ma poco dopo le forze Boros furono costrette a ritirarsi. La fortezza volante venne usata nuovamente nella battaglia finale alla Cittadella di Bolas.

ReferenzeModifica

Rappresentato inModifica

Testi di coloreModifica

Carte associateModifica

CuriositàModifica

  • Alcune voci affermano che il Parhelion sia stato costruito da un planeswalker.
  • Non è noto se qualcuno su Ravnica sia consapevole dello scopo originale per cui era stato costruto il Parhelion.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.