FANDOM


I Nove Titani (Nine Titans) erano un gruppo di titani capeggiati da altrettanti planeswalkers che Urza riunì per attaccare Phyrexia.

Nove TitaniModifica

Consapevole che da solo non sarebbe stato in grado di distruggere Phyrexia, Urza decise di reclutare altri planeswalkers nativi e non di Dominaria. Alla fine Urza riunì intorno a sé altri otto planeswalkers, tuttavia, Teferi cambiò idea e decise di mandare in fase la parte nord occidentale di Jamuraa: Zhalfir e la maggior parte di Shiv, dove c'era anche Jhoira. Urza si infuriò con lui e lo accusò di privare Dominaria di potenti alleati contro phyrexia e gli ordinò di fermarsi. Teferi rispose che lui non capiva, non stava scappando, stava salvando le persone che tempo prima aveva giurato di proteggere. Dopo l'abbandono di Teferi, Urza accettò la richiesta di Taysir di unire a loro Daria, sua figlia adottiva al posto di Teferi. Poco dopo, Freyalise informò Urza dell'arrivo di Kristina e lui concordò con lei che la donna avrebbe preso il posto di Parcher giudicato troppo folle per far parte del loro gruppo.

Dalla sua prima esperienza nel suo attacco fallito contro il piano artificiale, (era riuscito ad arrivare solo alla quarta sfera prima di essere costretto a fuggire con Xantcha) Urza capì che per attaccare Phyrexia era necessaria un'armatura che proteggesse dalle letali trappole del piano in grado di indebolire anche un planeswalker e così creò i titani, potenti macchine gigantesche che potevano essere usate anche come armature. Da lì nacque il nome del gruppo: Nove Titani.

Durante la seconda fase dell'invasione phyrexiana, i Nove Titani attaccarono Phyrexia. Durante il loro attacco Tevesh Szat, che era stato convinto ad unirsi al gruppo da Urza per via della sua conoscenza del piano artificiale, li tradì uccidendo Daria e Kristina. Urza però aveva inserito una Rubrik, una particolare bomba all'interno dei titani, che poteva attivare a suo piacimento uccidendo il controllore della macchina e attivò quella di Tevesh che morì nell'esplosione. Poco dopo però, gli angeli corrotti di Phyrexia convinsero Urza che lui e Yawgmoth erano simili e il planeswalker con grande orrore da parte dei suoi compagni li tradì e usò la Rubrik uccidendo un altro membro: Taysir.

Nonostante il tradimento di Urza, i rimanenti titani portarono a termine la loro missione rendendo Phyrexia un guscio fumante in rovina e dopo tornarono su Dominaria e continuarono a combattere contro i phyrexiani. Anche Urza tornò sul piano (solo la sua testa ma ancora vivo) insieme a Gerrard Capashen e rinsavito dalla sua follia, contribuì alla sconfitta di Yawgmoth: Urza e Gerrard si fusero con Karn, che assorbì dentro di sè tutti i manufatti dell'eredità per poi rilasciare un getto di mana bianco che distrusse tutti i phyrexiani e uccise Yawgmoth. Dopo la fine della guerra, dei Nove Titani rimasero solo Freyalise e Windgrace.

Trecento anni dopo l'Apocalisse, durante la Riparazione, Freyalise si sacrificò per sigillare la frattura dimensionale sopra Cielsudario e Windgrace fece altrettanto per sigillare quella sopra Urborg anche se a differenza dell'elfa, il guerriero pantera infuse una parte del suo spirito in Urborg affermando che se la sua terra avesse avuto bisogno di lui, sarebbe tornato. 

Lista dei Nove TitaniModifica

ReferenzeModifica

Testi di coloreModifica

CuriositàModifica

Nove Titani
Bo Levar | Commodore Guff | Daria | Freyalise | Kristina | Taysir | Tevesh Szat | Urza | Windgrace
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.