FANDOM


Fazione
Mirran
Nome Mirran
Originaria di prima Mirrodin, poi Nuova Phyrexia
Fondata da Gli abitanti non corrotti dall'olio.
Membri importanti Camik, Ezuri, Farris, Glissa Sunseeker (temporaneamente), Jor Kadeen, Kara Vrist, Kessla, Lafarius, Lyese Sunseeker, Melira, Minhu, Pythor, Ria Ivor, Sharaia, Thrun, Vy Covalt, Koth, Elspeth Tirel, Venser
Composta da Umani, Elfi, Vedalken, Tritoni, Felini
Sede Varie
Significato del logo Una rappresentazione stilizzata di Mirrodin.


Mirran inizialmente era solo il nome con cui venivano chiamati gli abitanti di Mirrodin, ma dopo l'inizio dell'attacco da parte dei phyrexiani decisero di chiamare in questo modo la loro resistenza per sottolineare la loro identità e la loro voglia di resistere contro gli invasori.

Inizio del contagioModifica

Inconsapevolmente Karn, il planeswalker creatore del piano, lasciò nel Nucleo una piccola quantità di olio che portava dentro di sé. Dopo che lasciò il piano per iniziare i suoi viaggi, l'olio iniziò a diffondersi facendo impazzire Memnarch, il golem guardiano del piano, che finì per trasformare Argentum in Mirrodin. Nonostante la sua follia, Memnarch riconobbe l'olio come una minaccia e protesse Mirrodin, riuscendo a bloccare la sua diffusione. Quando Memnarch venne ucciso da Glissa Sunseeker, l'olio infettò il Nucleo e iniziò a corrompere gli abitanti trasformandoli in phyrexiani.

Nascita dei MirranModifica

Gli abitanti del piano non corrotti, una volta compresa la minaccia, formarono una resistenza nel tentativo di sconfiggere i phyrexiani e purificare il loro mondo, ma nonostante tutti i loro tentativi, non ottennero nulla. I phyrexiani vinsero la guerra e rinominarono Mirrodin in Nuova Phyrexia.

Continuare a combattereModifica

Nonostante la grande sconfitta, i Mirran continuano a combattere nella speranza di poter un giorno purificare il loro mondo.

ReferenzeModifica

Testi di coloreModifica

Carte associateModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.