FANDOM


Evento
Planar PortalART1
Nome Invasione di Phyrexia
Piano Dominaria
Data di Inizio 4.205 A.R.
Data di Fine 4.206 A.R. (verso l'inizio dell'anno)
Personaggi Coinvolti i Nove Titani, l'equipaggio della Cavalcavento, Yawgmoth


L'Invasione di Phyrexia o invasione phyrexiana (phyrexian invasion) iniziò migliaia di anni prima della nascita di Urza, quando Yawgmoth venne esiliato dall'impero Thran. Nei millenni seguenti, Yawgmoth raggiunse un livello di potere pari a quello di un planeswalker e solo nel 4.205 A.R. scatenò tutte le sue macchine su Dominaria.

StoriaModifica

L'invasione si sviluppò in tre fasi: nella prima, Tsabo Tavoc guidò una legione di phyrexiani in avanscoperta, per conquistare i luoghi principali e distruggere i punti focali della resistenza. Qui ci fu una vittoria dei phyrexiani, che conquistarono Urborg, distruggendo Benalia, Tolaria e Nuova Argivia, perdendo però le battaglie a Koilos, Yavimaya e sugli oceani.

La seconda fase iniziò quando ci fu la congiunzione tra Dominaria e Rath, che riversò su Dominaria moltissimi phyrexiani, che iniziarono a distruggere il piano. La battaglia principale di questa fase vide la coalizione combattere a Urborg, riuscendo a riconquistare la città e distruggere la Fortezza. Occorsero molti giorni di assedio per conquistare la Fortezza, ma nel frattempo, un contrattacco era partito verso Phyrexia: Urza guidava i Nove Titani.

Nella terza ed ultima fase, Yawgmoth invase Dominaria personalmente, apparendo come una nube mortale che rianimava ogni cosa, anche il suolo. Ogni cosa rianimata in questo modo entrava a far parte delle fila phyrexiane. Sembrava una facile vittoria per Yawgmoth, che venne fermato quando l'eredità venne completata tramite il sacrificio di Urza e Gerrard unitisi a Karn. La fusione dei tre causò il rilascio di un enorme ondata di mana bianco che uccise Yawgmoth. Alla vista del loro leader caduto, le cellule phyrexiane ancora attive si arresero completamente.

ReferenzeModifica

Rappresentata inModifica

Testi di coloreModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.