FANDOM


Golgothian Sylex

Il Golgothian Sylex era un misterioso manufatto antico, una grande ciotola fatta di un metallo simile al rame con dei glifi sopra di esso che si traducevano più o meno come:

utilizzare per pulire il mondo, per rovesciare gli imperi, per ricominciare.

Guerra dei fratelliModifica

Il Golgothian Sylex venne scoperto da Feldon nel Ghiacciaio di Ronom durante la guerra dei fratelli. Quando Terisia venne assediata dalle forze di Mishra, Feldon affidò il potente manufatto a Loren che però venne catturata da Ashnod. Tuttavia l'apprendista di Mishra decise di consegnare il Golgothian Sylex a Tawnos che a sua volta lo diede a Urza.

A Argoth, Urza attivò il Golgothian Sylex: l'esplosione di energia distrusse gli eserciti di entrambi i fratelli, modificò il clima di Dominaria dando inizio a l'era glaciale e causò la caduta della maggior parte delle grandi civiltà del piano.

Guerra dei planeswalkersModifica

Molti anni dopo la guerra dei fratelli, Ravidel riuscì a ottenere il Golgothian Sylex dopo un duello con Ash Embereck in una città sommersa di Terisiare dopo l'era glaciale. In un anno del calendario del Reckoning Sage of Minorad, Ravidel apparve a Minorad e minacciò di usare il Golgothian Sylex a meno che i cinque planeswalker Liana, Ash Embereck, Kristina, Grenfell Mor e Altair non avessero promesso di non interferire con le sue azioni su Dominaria. Privi di una vera possibilità di scelta, i cinque acconsentirono.

Nel 1.281 del Reckoning Sage of Minorad, Ravidel minacciò di usare nuovamente il Golgothian Sylex. Così Jared Carthalion e Kristina si misero in viaggio per cercare i due pugnali magici di Grenfell Mor che avrebbero permesso di distruggere il manufatto. Dopo averli trovati, rintracciarono Ravidel, che nel frattempo aveva costruito il Faro dei Mox. Utilizzando i pugnali, Jared rese il Golgothian Sylex vulnerabile a un distruggi artefatto, incantesimo con il quale riuscirono finalmente a distruggerlo.

ReferenzeModifica

Rappresentato inModifica

CuriositàModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.