FANDOM


Personaggio
Ayesha
Nome Ayesha Tanaka
Originario di Dominaria - Impero di Madara
Lifetime Data sconosciuta
Razza Umano
Titolo -
Stato Sconosciuto


Ayesha Tanaka era l'armiere di Tetsuo Umezawa e l'insegnante di Kei Takahashi. Grande esperta del mana bianco e blu, possedeva la capacità innata di distruggere gli artefatti e gli incantesimi con la sola forza di volontà.

Ciclo Leggende IIModifica

Quando Xira Arien infettò con la sua prole Kei Takahashi, Ayesha viaggiò insieme a Tetsuo per catturare Xira e convincerla a rivelare l'antidoto per curare Kei. I due scoprirono dall'assassina con loro grande tormento che non c'era una cura per far tornare Kei normale, tuttavia riuscirono ugualmete a salvare il loro giovane amico, ma Kei fu condannato a convivere con la sua mutazione da insetto.

Poche settimane dopo, Tetsuo venne punito dall'imperatore Nicol Bolas per il suo ruolo nel fallimento di Ramses Overdark durante l'attacco delle Isole Edemi. Mentre Tetsuo venne costretto a servire sotto il comando di Marhault Elsdragon e ad eseguire qualsiasi suo ordine, Ayesha, Kei e Tor Wauki vennero messi sotto controllo del Kentsu, l'esercito imperiale dell'Impero di Madara.

Mentre serviva sotto il comando di Jorgan Hage a Kusho, Ayesha venne rapita dai difensori dell'isola. Gosta Dirk voleva che Kasimir e Tetsuo risolvessero il destino dell'isola con un duello formale, ma Ayesha sapeva che ormai era troppo tardi per quella soluzione e che il generale Elsdragon non lo avrebbe mai permesso. Fuggì dai ribelli grazie all'aiuto di Ramirez DePietro ma subito dopo si sentì male cose se fosse dipendente dal mana blu di Kusho. Ciò era stato causato dai cristalli di mana nero di Ramirez che avevano avvelenato le linee di mana di Kusho. Il pirata si rivelò essere in realtà Halfdane il mutaforma seguace di Overdark.

Per ordine di Elsdragon, Ayesha andò a Argenti dove guidò un gruppo di soldati per attaccare la Biblioteca Silvestre. Ottenne l'approvazione del generale per il suo piano convincendolo che attaccando avrebbero attirato l'attenzione dei druidi dell'isola lontano dalla battaglia principale. In realtà voleva controllare la biblioteca per trovare una cura per la sua dipendenza dal mana e per la mutazione di Kei. Nel momento in cui prese il posto di Magnus nella biblioteca, venne sopraffatta dalla foresta. Ayesha combattè contrò il Kentsu e la sua astuzia era proprio quello di cui la foresta aveva bisogno per ottenere un vantaggio su di loro: animò la pelle nelle corazze dei soldati di Argenti soffoccandoli nei propri abiti e migliorando il corallo intorno a Kusho facendone crescere così tanto sia sulla riva che nelle navi dell'esercito imperiale in pochi minuti. Dopo il successo ottenuto, la foresta la lasciò andare e Magnus riprese il suo posto. In cambio dell'aiuto che aveva fornito, Magnus diede ad Ayesha una cura per la sua dipendenza e un modo per ripristinare le linee di mana di Kusho. Aiutare Kei era oltre la sua portata: durante il periodo in cui lei era stata lontano, il ragazzo era stato ucciso da Halfdane.

Ayesha incontrò Tor Wauki che era stato con Kei durante la sua battaglia finale. Insieme, i due viaggiarono nell'isola per cercare Halfdane e vendicare Kei. Una volta trovato, la battaglia contro il mutaforma fu dura, i suoi poteri erano stati potenziati da Overdark, ma alla fine Ayesha riuscì a congelare l'acqua intorno a lui, sorprendendo il mutaforma con le sue molte riflessioni, che diedero a Tor Wauki il tempo necessario per uccidere Halfdane con una potente magia nera. Poco dopo, Tetsuo mandò due dei suoi a recuperare Ayesha e Tor da Kusho. Dopo essersi ricongiunti con lui, lo convinsero ad assumere di nuovo il ruolo di campione imperiale per sconfiggere l'imperatore e far tornare Madara al suo antico splendore. Dopo la sconfitta di Nicol Bolas, Ayesha fu tra coloro che chiesero a Tetsuo di diventare il nuovo imperatore. Non è noto se Tetsuo alla fine accettò la sua proposta.

ReferenzeModifica

Rappresentata inModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.