FANDOM


Araithia Shokta, conosciuta anche come Rat, è la figlia di Ari Shokta e di Gan Shokta. Anche se i suoi genitori sono guerrieri Gruul, lei è una ladra Senza Cancello indecisa se unirsi ai Gruul, ai Selesnya o ai Rakdos. Ha una capacità unica, anche se involontaria, che le permette di non essere vista dalla maggior parte delle persone e viene facilmente dimenticata da loro, a meno che non si concentrino con molta attenzione su di lei. La sua abilità divenne molto utile durante la Guerra della Scintilla, poiché le dette la possibilità di attaccare nemici ignari della sua presenza. Possiede anche alcuni poteri mentali minori. Ha una seconda personalità: l'assassino Dimir Atkos Tarr.

Atkos TarrModifica

Considerata una Senza Cancello da tutti tranne uno, Araithia Shokta era stata segretamente reclutata nei Dimir. Lazav aveva appreso della sua esistenza attraverso la sua rete di spie e sfruttò rapidamente l'opportunità di raccogliere nella sua gilda una bambina che poteva essere vista solo da un piccolo numero di persone. Col passare del tempo, Lazav si avvicinò periodicamente a Araithia in varie forme, mentre lentamente faceva il lavaggio del cervello alla ragazza per farla diventare il suo "perfetto piccolo assassino segreto". Lazav scolpì un personaggio completamente nuovo per Araithia noto come Atkos Tarr. Il nome è una parola chiave che "attiva" la ragazza facendole credere di essere un uomo, il migliore assassino vampiro del Dimir.

Prima della Guerra della ScintillaModifica

Araithia accettò di aiutare la sua migliore amica Hekara, una delle poche persone su Ravnica in grado di vederla e ricordarsi di lei, seguendo Ral Zarek grazie alle sue abilità e informandola con chi si incontrava il mago Izzet e di tutto ciò che diceva. A causa di ciò, Araithia apprese molte cose tra cui l'esistenza dei planeswalker.

La Guerra della ScintillaModifica

Dopo essersi separata da Hekara, che era andata in missione con Ral e altri, Araithia vide un ragazzo ricoperto di sabbia che si materializzò di fronte a lei e notò che era ferito. Lui la indicò facendole capire che riusciva a vederla. Dopo aver fermato il discorso senza fine di lei, l'altro si presentò come Teyo Verada. Quando capì che lui era in grado di spostarsi tra i mondi come Ral, Araithia gli fece da guida su Ravnica, raccontandogli velocemente dettagli sui distretti e le gilde dominanti della città. Gli spiegò che si trovava su un altro mondo e anche se inizialmente lui rifiutava di crederci, dovette arrendersi alla realtà. Teyo non ebbe molto tempo per adattarsi o godersi il paesaggio: l'invasione di Nicol Bolas iniziò poco dopo il suo arrivo sul piano. Insieme al suo nuovo amico, Araithia vide gli Eterni dell'Orda Atroce uscire dal portale creato dal Ponte Planare del drago antico. Accanto a molti planeswalker e abitanti del piano, Araithia combatté contro gli Eterni del drago guidati da Liliana Vess. Durante lo scontro suggerì di chiedere l'aiuto dei Rakdos tramite Hekara, ma venne informata da Kaya che la sua amica era morta. Subito dopo, lei e Teyo accompagnarono Kaya nella sua missione per radunare gli Orzhov contro Bolas. Inizialmente i membri più importanti volevano rimanere neutrali, ma alla fine accettarono con riluttanza di aiutarla.

Durante l'invasione del piano, fu presente alla riunione dove i leader della difesa di Ravnica si riunirono per mettere a punto una strategia. Sotto raccomandazione di Jace Beleren, decisero di dividersi in team per concentrarsi su compiti specifici: Araithia, Teyo, Kaya e Nissa Revane vennero mandati a persuadere le gilde ancora neutrali (Selesnya, Gruul, Golgari e Rakdos) ad unirsi alla lotta contro Bolas. Per permettere al gruppo di entrare nel territorio del Conclave, Araithia chiese aiuto al suo padrino Boruvo, che acconsentì ad accompagnarli da Emmara Tandris a condizione che Nissa se ne andasse. Vennero ricevuti da Emmara che stava sostituendo Trostani, divenuta dormiente prima della guerra. Ricordando i disastri che gli Izzet avevano causato ai Selesnya con i loro piani, Emmara si rifiutò di aiutarli. Kaya provò a farle cambiare idea raccontandole quello che era successo a Skalla e Amonkhet. Sentendo quelle parole, Trostani si risvegliò e decise di aiutare i Guardiani. Il gruppo andò quindi a parlare con Borborygmos dei Gruul e Araithia lo convinse a sostenere la loro causa. Subito dopo, vennero raggiunti da Ral che si unì a loro e li acccompagnò nella Città Sepolta. In assenza di Vraska gli altri capi dei Golgari stavano litigando per il controllo del suo trono, ma la gorgone ritornò proprio in quel momento e riprese il suo ruolo di regina. Nonostante i sospetti di Ral e Kaya, Vraska impegnò i Golgari nella lotta contro Bolas, dimostrando di essere loro alleata aiutando il gruppo di Ajani a evacuare molti abitanti del piano nei tunnel della Città Sepolta, portandoli al sicuro dall'Orda Atroce. Dopo ciò, Vraska si unì a loro. Araithia e i suoi compagni si recarono a Rix Maadi per negoziare con Rakdos. Il signore dei demoni fu ostile a causa della morte di Hekara. Proprio in quel momento Tomik Vrona arrivò portando il cadavere di Hekara e i cultisti la resuscitarono come strega di sangue. Nuovamente in vita, Hekara sconfisse Exava e con la sua nuova autorità guidò i Rakdos contro Bolas. Araithia si preparò con gioia a parlare nuovamente con la sua amica, ma con profondo dolore scoprì che l'altra non era più in grado di vederla. Accettò la cosa dicendosi che almeno lei poteva osservarla e sentire nuovamente la sua voce.

Dopo che tutte e dieci le gilde si allearono contro Bolas, Araithia assistette al rituale al Seggio del Patto delle Gilde eseguito da Nissa e da un rappresentante di ogni gilda: il loro scopo era quello di riparare le Leyline che conferivano potere al patto delle gilde vivente, che erano state distrutte quanto il Ponte Planare si aprì su Ravnica riducendo in macerie il Seggio. Araithia vide Niv-Mizzet tornare in vita come nuovo patto delle gilde vivente appena in tempo: il Mentefiamma salvò tutti da Kefnet incenerendo il dio non morto.

Dopo la fine della guerra, Araithia fu tra i sopravvissuti alla battaglia e assistette non vista alla conversazione tra Niv-Mizzet e gli altri capogilda: Ral Zarek, Vraska e Kaya dovevano espiare le loro colpe per aver aiutato Bolas, anche se più manipolati che realmente fedeli a lui, dal momento che avevano abbandonato il drago antico prima dell'inizio della guerra, sarebbero stati risparmiati a condizione che facessero ammenda dando la caccia ai planeswalkers rimasti fedeli a Bolas o disertati troppo tardi. Araithia pensò che forse la Guerra della Scintilla non si era ancora conclusa.

Dopo la Guerra della ScintillaModifica

Comprendendo che Teyo e Kaya sarebbero presto partiti da Ravnica, Araithia si sentì infelice e lasciò i suoi amici in anticipo. Venne ritrovata da Teyo sulla Passeggiata Transgilda, il luogo dove si erano incontrati la prima volta. Con grande gioia della ragazza, Kaya rivelò che poteva portare anche lei con loro, grazie a una sua abilità che le permetteva di "fondere" temporaneamente il suo corpo e la sua mente con la sua. Insieme a Jaya Ballard arrivarono su Gobakhan, dove Araithia ebbe un valore inestimabile nell'assistere lo scudomante e fargli realizzare il suo pieno potenziale.

I tre vennero guidati verso Caligo da Jaya, che se ne andò subito dopo, rifiutandosi di andare oltre. Trovarono Liliana fuori dal Maniero Vess che lavorava in un giardino, ma in stato di trance. Araithia si allontanò per scoprire qualcosa di più sulla dimora e sui suoi abitanti, ma tornò in tempo per salvare i suoi amici dalla necromante tornata in sè, riuscendo a colpirla e rendendola incosciente. Con le sue informazioni Teyo comprese che la finta Liliana aveva guadagnato il suo potere da un potente genio che era legato all'amuleto di zaffiro blu che Araithia aveva descritto. Dopo che riprese conoscenza, Liliana accettò di lasciare che Kaya la uccidesse in cambio della sconfitta della sua impostora e della liberazione della sua gente.

Araithia recuperò la Gemma del Divenire, che le permetteva di essere visibile da tutti, e parlò brevemente con Ugin. Anche se un con riluttanza decise di restituirla a Liliana. Rubò l'amuleto di zaffiro e lo distrusse, liberando il genio di nome Zahid, che venne sconfitto da Liliana.

Dopo la fine del conflitto, Araithia fu determinante nel convincere Kaya a lasciar vivere Liliana, che ormai apparteneva al loro gruppo affiatato. Dal momento che serviva una prova della sua "morte" per Niv-Mizzet e gli altri capogilda, Teyo suggerì a Liliana di rinunciare al Velo. L'altra lo fece con riluttanza e un piccolo aiuto da parte della Gemma del Divenire. Prima di tornare su Ravnica, Araithia, Teyo e Kaya promisero di incontrare Liliana a Paliano, su Fiora.

Successivamente, come Atkos Tarr, assassinò Dovin Baan nel suo rifugio segreto su Ravnica, per ordine di Lazav. Nuovamente in sè, Araithia e i suoi amici viaggiarono a Fiora e incontrarono Liliana che aveva cambiato il suo nome in Ana Iora. Lì iniziarono ad aiutare la loro nuova amica nel suo cammino verso la redenzione. Alla domanda su dove sarebbero andati dopo, Kaya rispose che avrebbero viaggiato verso il suo piano d'origine: Tolvada.

CuriositàModifica

  • Araithia ha sedici anni all'inizio della storia di La Guerra della Scintilla: Ravnica.
  • Le storie web gratuite di War of the Spark sono narrate dal punto di vista di Araithia.
  • Le uniche persone che riescono a vedere Araithia normalmente sono: Hekara (prima della sua morte e risurrezione), sua madre, Boruvo, Teyo Verada e Kaya.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.